Simona Bovone
Simona BovoneRiflessologa Facciale
Se l’essere umano è il microcosmo dell’universo, ciascuna delle sue parti è la stessa cosa per lui stesso. Dunque il viso, parte di noi stessi, ci simbolizza e ci rappresenta per l’intero.
…Click per Controllo Audio:

Curriculum

    • Riflessologa Facciale Metodo S.I.R.F.A.;
    • Attestato nazionale di livello avanzato di competenza tecnica e pratica in DIEN CHAN – Multi Riflessologia Facciale Vietnamita Metodo S.I.R.F.A., conseguito nel 2013 presso la “Scuola Italiana di Riflessologia Facciale” – Accademia Dien Chan Italia di Milano.

Sono da sempre interessata al misterioso essere umano ed essendo curiosa di quello di cui l’uomo è capace, mi avvicino allo studio della riflessologia facciale: sono attratta dall’espressione beata di chi riceveva il trattamento durante un festival dello Yoga.
E provo il piacevolissimo stato di rilassamento profondo che induce.
Comincio così con un corso base, gradito regalo di chi “mi conosceva bene”: ed è stata subito passione! Con riscontri eccezionali sull’efficacia di questa fantastica tecnica.
Da qui inizia il mio percorso di pratica e apprendimento e, se è vero che tutti abbiamo un talento, sento che finalmente sto assecondando il mio, supportata da due splendidi maestri sempre presenti!
Credo che non ci sia lavoro più gratificante di quello che porta benessere a chi si affida alle tue cure.
Entrando in comunicazione con chi riceve posso affinare il mio e il loro “sentire”, sono energie trasmesse che ritornano!

Cos’è la Riflessologia Facciale – Dien Chan

Dien_Chan_face_sfondo_biancoLa riflessologia facciale o Dien Chan (in lingua vietnamita) è una tecnica che ha effetti benefici sorprendenti e a volte immediati.
Nata in Vietnam negli anni Ottanta, grazie agli studi del prof. Bui Quoc Chau, agopuntore e grande studioso appassionato di riflessologia, vanta oggi oltre centomila terapeuti in tutto il mondo ed è stata riconosciuta medicina ufficiale in Vietnam, a Cuba e in Messico, ed è diffusissima in Francia e Spagna.
Il prof. Bui Quoc Chau ha messo a punto una serie di mappe riflesse del volto partendo da un principio semplice che si è dimostrato, nella pratica clinica, più che mai vero: il viso rappresenta tutto ciò che siamo ed è la sede naturale dei cinque organi di senso, che hanno il compito di trasferire al nostro cervello ciò che percepiscono dall’esterno.

Vista, olfatto, udito, gusto e tatto: tutto il nostro essere è a disposizione in pochi centimetri quadrati di corpo.

 

Attraverso il viso noi possiamo “percepire” e la sua pelle, particolarmente vascolarizzata, ha una straordinaria sensibilità poiché è ricca di terminazioni nervose che si dirigono direttamente al cervello nel più breve percorso possibile. Tutti gli stimoli provocati in questa zona entrano senza filtri nelle profondità fisiche e psichiche della persona: per esempio, uno schiaffo sul viso fa molto, molto più “male” che in qualsiasi altra parte del corpo. Lo stretto legame viso-cervello permette agli impulsi nervosi provocati dal terapeuta di stimolare le ghiandole guida, ipofisi ed epifisi, riequilibrando per riflesso le funzionalità organiche complessive.
La base, quindi, è che tutte le parti del corpo corrispondono a piccole aree sul viso. Ogni volta che lavoriamo su una zona riflessa, attraverso il sistema nervoso, raggiungiamo l’organo o la funzione che le corrisponde.

Attraverso la stimolazione di queste zone e punti, effettuata principalmente con appositi attrezzi studiati dal Prof. Bui Quoc Chau, o con le mani, si può riequilibrare il corretto circuito energetico nel corpo e rimuovere blocchi interni causati da traumi sia fisici che psicologici.

La Riflessologa Facciale Dien Chan è una tecnica valida per la prevenzione e il trattamento di molti disturbi e disarmonie, quali problemi digestivi ed intestinali, insonnia, condizioni di ansia e stress, depressioni, mal di testa di varia origine, dolori mestruali; è molto efficace negli stati infiammatori e sintomatologie dolorose dell’apparato osteo-muscolare, ma soprattutto lavora sul piano emozionale migliorando l’umore.

Un altro aspetto non secondario è che si tratta di una pratica estremamente piacevole che procura un intenso stato di rilassamento generale e porta anche beneficio dal punto di vista estetico in quanto si vanno a stimolare ampie zone del viso, favorendone la circolazione sanguigna ed energetica, distendendone e rilassandone i tratti.

Come si svolge un trattamento

Dien_Chan_1I trattamenti si eseguono su lettino in ambiente confortevole con, se è gradito, un sottofondo musicale.
L’operatore si dispone dietro la testa del ricevente, dopo averlo fatto coricare in posizione supina con un lungo cuscino sotto le ginocchia e una coperta, se lo desidera.
Prima di tutto però si dedica il tempo necessario all’ascolto del ricevente per capire le sue motivazioni, i suoi bisogni e la sua storia clinica. Quindi si inizia il trattamento con gesti precisi e specifici. Le zone da stimolare si stabiliscono in base a un protocollo, che viene personalizzato a seconda della disarmonia riscontrata, seguendo uno o più schemi di riflesso previsti.

Dien_Chan_3

La manualità che si pratica è molto dolce nella prima fase, quella del rilassamento, e può rimanere tale sino alla fine del lavoro, o diventare più incisiva.

In genere il rilassamento è talmente profondo che l’ora passa in silenzio perché il ricevente si addormenta. Alla fine della seduta si spiega quali manualità si debbono eseguire da soli – per mantenere libero il circuito energetico – sino all’incontro successivo.